domenica 26 giugno 2016

Insalata di farro



Un cereale antico che in Toscana ha sempre goduto di una grande popolarità. In Garfagnana, valle pittoresca disegnata dal corso del fiume Serchio, il farro è sempre stato prodotto, fin dall'antichità, poiché non teme il freddo ed ha bisogno di un terreno povero.
Il territorio montuoso si addice perciò a questo tipo di coltura più che alla produzione di grano, che necessita  di estensioni più vaste e di temperatura più mite.
Il consumo del farro è stato soppiantato dal frumento della pianura, prodotto in maggiore quantità, anche considerando che il farro ha una resa quantitativa  molto inferiore rispetto al grano.
Tuttavia oggi si nota la tendenza a valorizzare questo cereale, riscoperto dall'agricoltura biologica: fa bene al diabete e al colesterolo, non alla celiachia, perché il glutine è presente, sebbene meno concentrato.
Ingredienti e preparazione:

  • Ammollare il farro  per un'ora circa ( di solito ci sono le indicazioni sulla confezione) e eliminare le impurità 
  • Metterlo in pentola  con abbondante acqua fredda, una cipolla media ( incisa, ma non tagliata, per evitare che si sfaldi  mescolandosi ai chicchi), una carota e una costa di sedano. 
  • Portare a ebollizione e lasciar cuocere per 20/30 minuti, controllando la consistenza. Salare poco prima di spengere il fuoco.
  • Scolare e lasciar raffreddare.
  • Il condimento di questa insalata è composto da pochi, semplici ingredienti: filetti di peperone giallo, pomodori tagliati a cubetti piccoli, wurstel a rondelle ( o prosciutto cotto a cubetti), basilico tritato, olio evo e pepe
Colorata e saporita, la nostra insalata di farro 
è pronta per andare in tavola!


7 commenti:

  1. Ciao Fata non avevo ancora approfondito la lettura di questo tuo blog,l'iniziativa a Cena con è veramente carina, mi piace.chissà che non appena entro nella vena giusta partecipi anch'io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Carolina,
      mi fa molto piacere trovarti anche sulle Parole di contorno, ti ringrazio di esserti unita ai lettori e spero che qualche ricetta sia di tuo gradimento.
      Se vorai partecipare al gioco sono certa che ti divertirai ...e sono curiosa di conoscere il tuo ospite:-)

      Elimina
  2. Ringrazio vivamente Cuore Zingaro per l'adesione al gruppo dei lettori di Parole di contorno:-)

    RispondiElimina
  3. Ecco, queste insalate in questo periodo sono le padrone delle nostre tavole. Sono abbastanza veloci e si possono condire con quello che si vuole, anche per far fuori dal frigo degli avanzi di formaggi, wurstel, olive, prosciutto, più ne ha più ne metà, ma sono sempre buone e salutare !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Andreea,
      per eliminare incarti e barattoli semivuote, niente di meglio di un'insalata "creativa":-D

      Elimina
  4. Sembra molto buona! Io poi ormai mi sono lanciata nella sperimentazione di insalate fredde: quella di farro la faccio con feta, pomodorini, mozzarellina, basilico, cipolle e altra verdura (niente peperone purtroppo perchè sono allergica). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna,
      fantasia e gusto a go go per questi piatti estivi sempre gradevoli!:-)

      Elimina