lunedì 30 gennaio 2017

Pappardelle tortellate



Questo è un piatto che appartiene alla categoria del riciclaggio.
Categoria benemerità, poiché consente di economizzzare in modo creativo, ottimizzare i consumi mediante l'uso completo delle risorse, ottenere piatti alternativi con una spesa limitata, aggiungendo gli ingredienti necessari a quelli già presenti in cucina e in dispensa, oppure addirittura cucinati in precedenza.
Come piatto di riciclo queste pappardelle sono uno dei più ricchi, poiché alla pasta fatta in casa nel formato classico delle pappardelle, unisce il ripieno dei tortelli, in  un insieme veramente apprezzabile, il tutto condito con una generosa dose di ragù
I "tordelli", o ravioli, con il ragù rappresentano senza dubbio una dei primi piatti più famosi della cucina tradizionale, sinonimo di feste e pranzi in famiglia.
Quando il ripieno avanza  si può procedere alla preparazione della pasta tortellata.
Possiamo utilizzare paste alimentari già pronte in vari formati.
Sono adatti  penne, sedani, fusilli ecc. oppure, come nel nostro caso, stendere la sfoglia per le tagliatelle o, data la corposità del condimento, optare per le pappardelle.
Il ragù delle feste e i molti sapori e aromi fusi nell'amalgama del ripieno faranno di questo primo "riciclato" una portata di sucuro gradimento.

  • Sfoglia

    • 360 gr di farina "0" ( gr 90 per ogni uovo)
    • 4 uova
    • un pizzico di sale
  • Ragù

    • Mezzo bicchiere di olio
    • Sedano, prezzemolo, carota ,cipolla
    • Gr 350 circa di macinato di manzo
    • Un cucchiaio di conserva (tubetto)
    • Mezzo bicchiere di passata di pomodoro
    • Un bicchiere d’acqua
    • Sale, pepe,  peperoncino
  • Ripieno

    • 200 gr di carne bovina macinata
    • 200 gr di carne suina macinata
    • una pallina di bieta lessata e strizzata ( quanta ne contiene una mano)
    • 100 gr di mortadella
    • 2 uova
    • 2 cucchiai di parmigiano o grana grattugiato
    • 2 cucchiai di pane grattato ( da aggiustare in seguito secondo la consistenza del cmposto)
    • Sale, pepe, noce moscata e poco "pepolino"
    • Poco olio
    • un cucchiaio di odori  tritati (sedano, carota,cipolla, prezzemolo)
    • un cucchiaio di conserva di pomodoro

     

5 commenti:

  1. Hai fatto un bel lavoro, hai ottenuto un piatto molto bello da vedere e tanto gustoso !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andreea,
      un'amica mi suggerì questa soluzione e, al momento opportuno, dà un buon risultato...con poco impegno, in effetti, ma l'impegno c'è sta stato prima!:-D

      Elimina
    2. ...chiedo venia!:-(
      Non ho considerato il notevole impegno di Lorenzo per la bellissima sfoglia!

      Elimina
  2. Un piatto buonissimo ed estremamente gustoso che fa venire una fame e un'acquolina incredibile,bravissima,ti faccio i miei migliori complimenti:)).
    Un bacione e buona settimana:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy,
      ci sono piatti come questo che portano gioia e gusto in tavola con semplice bontà!:-)

      Elimina