gioco con invito

giovedì 13 aprile 2017

Colomba di Pasqua



Ormai siamo a Pasqua.
Con il giorno del Giovedì Santo si sente la festa veramente vicina.
I Riti della Settimana Santa da oggi e per i prossimi due giorni evocano la Passione e creano il clima di attesa della Resurrezione.
Anche se il nostro mondo proiettato nel ritmo frenetico della vita di oggi sembra, e spesso è, lontano dai valori religiosi e dagli usi del passato, in questi giorni si avverte un richiamo particolare di vita e di rinascita, esaltato dai profumi e dai colori della primavera che

                               "...Brilla nell'aria, e per li campi esulta,
                                Sì ch'a mirarla intenerisce il core."


Tra le tradizioni quelle gastronomiche sono tra le più diffuse.
La tavola di Pasqua offre specialità di ogni tipo e tra, i dolci, la colomba ha un posto privilegiato.
Per gli estimatori dell'home made, ecco le schiacciate e le colombe fatte a casa, belle buone e genuine.
Me ne son vista arrivare una, di colombe, ieri pomeriggio, non in volo, ma valorizzata  da una elegante e raffinata confezione.
La mia carissima amica Liviana, con la quale ho condiviso circa 30 anni di scuola dell'infanzia, è venuta a trovarmi e mi ha regalato questo meraviglioso ottimo dolce e anche la relativa ricetta che vado a trascrivere qui sotto con vero piacere, ringraziandola per lo squisito pensiero.


Ingredienti
3 rossi d’uovo
3 albume montato a neve
Burro gr 100
Zucchero gr 200
Buccia di limone e di arancia grattate
1 fiala di mandorla  e un cucchiaio di liquore  dolce
350 gr di farina “00”
Latte gr 100
Candito 100gr
50 gr di mandorle con la buccia
100 gr di zucchero granella
1 bustina di lievito da dolci

Procedimento
Mescolare i rossi con lo zucchero + bucce grattugiate + fiale e liquore + burro fuso.
Amalgamare ( con la frusta elettrica)
Aggiungere i canditi
Aggiungere la farina +  il latte ( il composto risulta denso e deve essere amalgamato con il latte)
Aggiungere infine gli albumi montati e incorporarli.
Il composto risulta semimorbido.
Infine aggiungere il lievito.
Mettere il composto in uno stampo di cartya da 750gr,
Coprire la superficie con mandorle e granella .
Infornare in forno preriscaldato ventilato, a 170° per h1 ( controllare a 50’ e se è pronta, spengere il forno.


11 commenti:

  1. A me continuano ad arrivare uova e colombe in tutte le fogge.. ed io, fresco di colicistectomia, questa Pasqua la passerà come il venerdì Santo: a digiuno..
    Tanti Auguri intanto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco,
      prima di tutto auguri di pronta guarigione e per una Pasqua serena e "leggera":-D
      Intanto i dolciumi li gusterà il Folletto Lampur...

      Elimina
    2. ..porca miseria se non li nascondo quello se li magna tutti!!!! ;)

      Elimina
    3. Bongustaio, eh,l'alter ego!
      I folletti non hanno glicemia e colesterolo da controllare, perciò frigo e dispensa ben blindati:-D

      Elimina
    4. ..però preferiscono il panettone.. come me.. ;)

      Elimina
  2. Ciao Fatina, Buona e serena Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Maria,
      ricambio con tutto il mio affetto auguri e saluti<3

      Elimina
  3. Che meraviglia, complimenti davvero, poi con tutte quelle mandorle e gli zuccherini, goduria pura per occhi e palato :) Auguroni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luna,
      giro i complimenti alla mia amica Liviana e a te, a Blade e a tutta la vostra famiglia auguri di Pasqua serena:-)

      Elimina
  4. Carissima, tutte le volte che pubblichi un post ci regali squisite ricette.
    Auguri. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Inassia per le tue belle parole e auguri , sia pure in ritardo, per la Pasqua.
      So quanto ami le tradizioni della tua Sardegna e apprezzo quello che ci fai conoscere attraverso il tuo blog.
      A presto:-)

      Elimina